Sgomberare una cantina

Uno sgombero permette di liberare completamente un posto dagli oggetti che lo affollano e lo occupano. Non c’è bisogno di preparare pacchi e prestare cura a questi come solitamente si deve fare per un un trasloco: nel caso di uno sgombero la destinazione finale degli oggetti è la discarica.

 

Gli oggetti da portare via non vanno imballati ma lasciati così come sono, non finiranno in una nuova abitazione ma andranno al macero o allo smaltimento rifiuti. Lo sgombero è quindi meno stressante del trasloco perché è una liberazione da tutto ciò che è spazzatura accumulata in un’area della casa.

 

Uno sgombero deve essere effettuato da una ditta specializzata. Chi  abita in Lombardia e ha bisogno di sgomberi Milano può cliccare il link dedicato.

 

Uno sgombero è utile quando si possiede ad esempio una cantina in cui si sono accumulati oggetti ingombranti e inutilizzati, che devono essere necessariamente buttati via per fare spazio ad altro tipo di materiale da conservare.

 

Quante volte si è pensato, si è detto, che non c’è più spazio in cantina per mettere le cose. Ma quante volte anche ci si è trattenuti dal proposito di svuotare la cantina per mancanza di tempo o di voglia di fare questa cosa dato il troppo caos in cantina. In questi casi rivolgersi a esperti dello sgombero può essere una soluzione.

 

Lo sgombero cantine

 

Uno sgombero cantine può prevedere un sopralluogo preliminare ai fini della valutazione di un preventivo richiesto. Durante il sopralluogo saranno valutate le dimensioni della cantina da svuotare, il numero di oggetti da portare via, la presenza di calcinacci e di rifiuti vari, la valutazione di eventuali oggetti di valore presenti.

 

Fatto il preventivo e all’ok del cliente, potrà avvenire lo sgombero che consisterà nello svuotamento totale dei locali della cantina. Nel caso non l’abbia fatta il cliente, sarà effettuata in via eventuale una cernita del materiale da conservare.

 

Durante lo sgombero di una cantina sarà effettuato lo smaltimento di cartongessi e calcinacci derivato dall’eventuale eliminazione di contropareti, controsoffitti e soppalchi e lo smaltimento di eventuali rifiuti speciali presso discariche autorizzate.