Diverse persone sono convinte che il loro condizionatore d’aria non abbia segreti ma, in realtà, non sanno che impostarlo correttamente, è ben diverso da azionarlo e abbassare la temperatura. La maggior parte delle persone che intendono rinfrescare la loro casa e abbassare la temperatura, non fa altro che utilizzare questa modalità che però è particolarmente dannosa sotto diversi punti di vista. Dopo aver visto quali sono le controindicazioni a utilizzare un dispositivo come il climatizzatore d’aria in questo modo, andiamo a scoprire come invece dovresti impostarlo.

Provochi alti consumi e costi in bolletta

Se sei anche tu solita accendere il condizionatore e abbassare la temperatura vai incontro a diverse problematiche. Tanto per iniziare, in questo modo produci un consumo eccessivo di energia elettrica che si traduce in un’altra bolletta da saldare a fine periodo. Onde evitare che il tuo condizionatore di casa consumi troppo, ti conviene anche prenotare un periodico servizio di manutenzione e assistenza condizionatori Haier Milano che, tra le altre cose, assicura una maggiore efficienza nel corso del tempo.

Causi un eccessivo sbalzo termico

Inoltre, tieni presente che quando imposti il tuo condizionatore d’aria a una temperatura molto bassa, ti sembra di ottenere un evidente beneficio perché non soffre più per colpa del caldo ma, in realtà, ci sono altri aspetti da prendere in considerazione. La temperatura all’interno dell’ambiente è troppo bassa rispetto all’esterno. Se entri ed esci da ambienti con temperature troppo diverse, provochi uno sbalzo termico e quindi conseguenze negative per la salute tra cui i sintomi da raffreddamento, crampi addominali e contratture muscolari.

Come impostare correttamente il condizionatore d’aria

Per impostare correttamente la temperatura del tuo condizionatore d’aria, rileva prima la temperatura esterna con un termometro oppure una pratica centralina meteo che comunque deve essere riparata dal sole battente. Sono sufficienti un paio di gradi in meno rispetto a fuori per stare subito meglio ed evitare le conseguenze negative come quelle appena viste prima. 2° o 3° c in meno potrebbero sembrare pochi ma sono più che sufficienti per sentirsi meglio.

Di Grey